Blog

Categorie: Lavorare a Xaar
21 agosto 2017

Lavorare in Xaar: Il mio posizionamento come studente

Jamie Hooper
Industrial placement student

Non avendo mai considerato IP come una opzione di carriera prima, le mie otto settimane in XAAR potrebbero aver cambiato completamente il mio futuro percorso di carriera che conduce all'ultimo anno della mia laurea. Mi sono divertito a lavorare nel settore ingegneristico avendo anche la maggiore diversità di elementi giuridici.
Il progetto su cui ho lavorato comprendeva l’analisi dei brevetti del settore per comprendere meglio come e perché i concorrenti stanno facendo meglio in alcune aree e come possiamo rispondere in modo adeguato - questo significava molta elaborazione di dati e statistiche che, anche se per alcuni potrebbe sembrare terribile, in realtà mi intriga come ingegnere informatico.
 
Durante il mio tempo qui, ho anche avuto la possibilità di visitare la camera pulita a Huntingdon che è stata davvero affascinante nonostante ci sia voluto un po’ ad abituarmi alla maschera facciale, una delle tante cose che ho imparato in XAAR: quando tenti di sorridere a qualcuno mentre indossi una maschera facciale, non stai sorridendo - lo stai fissando con uno sguardo truce!
 
La cultura qui prevede che anche come studente estivo temporaneo mi sono davvero sentito come una parte dell'azienda. Vi è un reale senso di coesione all'interno di Xaar, dai briefing regolari e agli aggiornamenti da parte degli amministratori sul quadro d’insieme degli obiettivi target e la visione dei 220 milioni di sterline entro il 2020/525 milioni di sterline entro il 2025, fino al coinvolgimento di tutti i dipendenti nel suggerire idee per nuovi sviluppi o modifiche ai processi di fabbricazione a Huntingdon.
 
Essendo stato molto indeciso sui miei piani di carriera futuri prima di aver iniziato in XAAR, ora ho potuto iniziare a guardare a alle opportunità nel settore di IP per quando mi laureerò il prossimo anno (sarebbe fantastico se ci fosse la possibilità di tornare a lavorare per Xaar!), per cui sono davvero contento di aver avuto modo di apprezzare una branca dell’ingegneria che non avrei altrimenti preso in considerazione.