Blog

Categorie:
21 agosto 2017

Qualità di stampa - il quadro completo

​​​​​​by Mark Ritchie, Product Manager

Di Xaar​Quella della qualità di stampa è una questione molto complessa, soggettiva e difficile da quantificare, soprattutto quando si stampano immagini in quadricromia. Alcuni articoli recenti si sono concentrati sui numeri, utilizzando il numero di punti o linee per pollice, come fattore chiave per la qualità di stampa. Questo è un approccio semplicistico che non considera altri fattori importanti, molti dei quali sono connessi al sistema piuttosto che specifici della testina di stampa. Quindi, quali sono gli altri fattori che contribuiscono alla qualità di stampa?

È tutta una questione di punti

Anche se i punti o linee per pollice sono importanti, dobbiamo anche guardare all'indirizzabilità di tutto il sistema, non solo della testina di stampa. L'indirizzabilità può essere aumentata grazie all'interleaving di più testine per raddoppiare l'npi effettivo. 

L'uso di scala di grigi a punti variabili può anche aumentare la risoluzione visibile all'occhio umano rispetto alla stampa binaria. Le dimensioni contano?​
Le dimensioni contano davvero quando si guarda alla qualità di stampa. Una goccia di piccole dimensioni produce un piccolo punto con una bassa densità di colore che può produrre bordi lisci sul testo quando viene utilizzato per riempire spazi intorno a punti più grandi. Tuttavia, una goccia di grandi dimensioni garantiscono una copertura solida e più forte o una maggiore opacità dei colori.Colpire il punto debole

Per garantire immagini precise, ciascun punto deve essere preciso nel posizionamento sul substrato. I punti malposizionati influenzeranno la qualità del testo e appariranno sfrangiati agli angoli e comporteranno linee bianche in immagini e aree piene.La costanza è fondamentale

Le dimensioni costanti della goccia sono fondamentali per la qualità della stampa visiva. Bande di densità di colore diverso visibili di un'immagine sono altamente indesiderabili, ma possono derivare da volumi goccia incostanti prodotte da una singola testina di stampa e per l'intera larghezza di stampa. Ciò dipende sia dalle capacità fisiche della testina di stampa sia dalla variazione delle temperature di inchiostro.Quanto ci si può andare vicino?

In definitiva, è la capacità dell'occhio umano a rappresentare il test finale della qualità di stampa percepita. La potenza dell'occhio umano con una visione 20/20 si traduce in una dimensione di punti di 29 micron alla distanza di messa a fuoco dell'occhio di 10 cm. Questo a sua volta equivale a una risoluzione effettiva di 876 dpi, che è ben entro le capacità di una testina di stampa di 360 npi con 8 livelli di grigio. Le risoluzioni più alte sono quindi di scarso vantaggio quando vanno oltre la capacità dell'occhio umano.

Il nostro recente libro bianco"Print quality requirements for single-pass inkjet printing – the whole picture" (Requisiti di qualità di stampa per la stampa a getto di inchiostro single-pass - il quadro completo), fornisce una comprensione più dettagliata dei fattori determinanti della qualità di stampa e come viene percepita.